COSA CI FA UN ASSISTENTE SOCIALE IN UNA APSP?

Vi starete forse rispondendo che probabilmente ha sbagliato direzione, ma la risposta è errata e ora vi stupirò perché il suo ruolo all’interno di un Azienda Pubblica di Servizi alla Persona è ben definito, infatti si occupa di una molteplicità di attività:

  • Visita domiciliare pre-ingresso in struttura;
  • Raccolta storia di vita dell’ospite;
  • Colloqui di segretariato sociale o di indirizzo e aiuto al familiare;
  • Colloqui di sostegno e supporto all’ospite ma anche al familiare;
  • Realizzazione di progettualità specifiche su interventi diversi, ad esempio a domicilio, quindi vi è un lavoro di collaborazione con i servizi del territorio, con i familiari e con la rete di volontariato;
  • Gestione di tutta la pratica funeraria in caso di decesso di un ospite privo di rete familiare;
  • Gestione del denaro e degli oggetti di valore dell’ospite;
  • Gestisce l’attivazione dell’amministratore di sostegno per un ospite;
  • Gestisce i trasferimenti degli ospiti di stanza e/o piano;
  • Collabora con gli operatori del servizio animazione per eventuale sostituzione dei colleghi nell’attività di grande gruppo;
  • Collabora con il servizio animazione della struttura per la gestione dei volontari della stessa;
  • Svolge acquisti per o con gli ospiti;
  • Svolge visite in ospedale quando un ospite è ricoverato;
  • Partecipa al P.A.I. settimanale.

Spesso, purtroppo, nelle realtà più piccole la figura dell’Assistente Sociale viene dimenticata, destinando tutti i suoi compiti ad altre figure professionali presenti all’interno di strutture di questa tipologia. L’importante compito che svolge l’Assistente Sociale è soprattutto legato alla capacità di ascoltare l’ospite, il familiare e creare con loro un rapporto di fiducia. Fondamentale è infatti assumere un atteggiamento empatico, non giudicante e focalizzare l’attenzione sull’intera globalità della persona.

Il lavoro sociale in RSA non si coniuga nell’assistere ma nell’accompagnare l’anziano nel suo cammino, condividendo l’esistenza, salvaguardandone la dignità e riconoscendogli il diritto di essere considerato ancora PERSONA.

“Non si è mai troppo vecchi per fissare un nuovo obiettivo o per sognare un nuovo sogno”.

(Clive Staples Lewis)

Articoli recenti