ORIENTAMENTO ….. SI (RI)COMINCIA E NON SI FINISCE MAI!

Con la ripresa delle scuole si riapre la riflessione sulle attività di orientamento.

Negli anni ed in risposta al profondo mutamento socio economico e culturale le proposte sono andate via via modificandosi e diversificandosi per cercare di offrire risposte efficaci alle domande ed alle esigenze di ragazzi, famiglie, giovani ed adulti.

Al di là della varietà di prospettive e delle innumerevoli iniziative etichettate come “orientative”  si possono individuare delle caratteristiche che qualificano e contraddistinguono le azioni orientative valide presenti oggi sia sul Territorio che a livello nazionale.

  • L’accompagnamento in tutte le fasi della vita scolastica e professionale della persona. Ne è un esempio il fatto che mentre fino a qualche anno fa le attività di orientamento proposte dalla scuola si concentravano quasi esclusivamente negli anni terminali dei cicli scolastici (es. terza media e quinta superiore) ora le scuole si sono dotate di curricoli orientativi che coprono l’intero ciclo scolastico. Per non parlare poi dei percorsi formativi riservati ai giovani diplomati, agli apprendisti o ai disoccupati che costituiscono, oltre ad una opportunità di arricchimento professionale, anche un’occasione di riflessione sulle proprie scelte e sulle prospettive lavorative;
  • Il riferimento a studi, ricerche e comunità scientifiche accreditate. In un panorama versatile e in continua evoluzione, la legittimazione di proposte e percorsi deriva anche dal confronto con le comunità scientifiche ed accademiche accreditate a livello nazionale ed internazionale;
  • la necessità di un contributo congiunto e del confronto tra i soggetti presenti sul  Territorio. Non è più compito solo della scuola aiutare i giovani ad orientarsi: le agenzie e le istituzioni presenti sul Territorio sono chiamate a concorrere, sia attraverso le competenze di esperti che trattano aspetti specifici che, soprattutto, attraverso una lettura multiprospettica della realtà di cui sono portatrici allo sforzo di aiutare ciascuno e ciascuna e tutti e tutte a trovare una propria realizzazione  professionale e sociale.

Dott.ssa Ida Pellegrini

Articoli recenti